Test di Generative Design con Dynamo e Python

Durante il master di Am4 e grazie a Claudio Vittori Antisari ho approcciato per la prima volta, in modo serio, il Generative Design.

In modo serio nel senso che ci siamo “sporcati le mani” con un progettino di test semplice, ma che ci ha fatto capire che il Generative Design non è una branca dell’architettura così irraggiungibile.

Mi restavano però molti dubbi, su Dynamo in generale e soprattutto su Refinery. Refinery a mio parere è un progetto ancora molto acerbo, sarà sicuramente sviluppato. Al momento, vuoi per i troppi crash, vuoi per l’impossibilità di esportare in modo diretto i risultati mi sembrava utile esplorare altre soluzioni.

Anche su Dynamo ho sempre avuto molte riserve. La paura è che la grande potenza del software messa in mano a utenti completamenti non formati sul lato programmazione, possano fare enormi danni soprattutto in progetti complessi.

Ancora l’ambiente di sviluppo per gli script Python all’interno di Dynamo non è proprio dei più user-friendly.

Per questo ho cercato una strada per ovviare a quelli che secondo me sono i limiti e le criticità, ma utilizzando comunque il modulo Dynamo che ha potenzialità pressoché immense.

Non sarà un tutorial, e molto di quello che ho fatto non verrà nemmeno mostrato per intero, questo non vuole essere un modo per non condividere, ma semplicemente per nascondere i “troiai” come si dice in Toscana. Non faccio più il programmatore da 20 anni, conosco Python da 4 mesi circa e quindi non voglio assolutamente passare da esperto quando in realtà questo, come altri script che seguiranno, sono meri esercizi di approfondimento.

https://youtu.be/2tVuOoxawmM

Spero che comunque questo video possa aprire ad un confronto ed un dibattito, e come sempre sarò ben disposto a confrontarmi con chi lo vorrà, e dare suggerimenti e spiegazioni di come sono riuscito a bypassare alcuni limiti di Dynamo/Python.

L’esempio in sé porta in realtà a poco, ma volevo testare il modo di dare all’utente un controllo sugli imput e sugli output in modo differente dal solito e creare un file csv per poter analizzare i grafici con excel, powerBi o altro.

Come sempre sotto ai commenti e buon BIM a tutti.

Articolo creato 11

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto